(think fast, fail fast, fix fast)


Yesterday's Papers

(Re)Light My Fire: ce ne frega ancora qualcosa dei Doors? (Hot)

Trentemøller, il Vasco Rossi della techno (Hot)

I ♥ Pet Shop Boys (nonostante tutto...) (Hot)

The Hours: Damien Hirst ha fondato una band (o forse no) (Hot)

SXSW: la volta all'anno che Austin diventa la capitale dell'indie mondiale
(Repubblica XL)

Bob Marley: la leggenda del santo fumatore (Io Donna)

Mile High Punk: ragionare sui Sex Pistols a 10.000 metri d'altezza (Hot)

Lacuna Coil: la cui cantante, nel caso non si fosse capito, è gnocca (Repubblica XL)

Jim Kerr: che voleva dire, esattamente, "nuovo sogno dorato"? (Io Donna)

Coldcut: "È imprevedible quello che succede quando il suono incontra la vita" (Hot)

45giri: il formato che doveva morire (Hot)

Hard-Fi: quelli che Scarlett Johansson non ha mai sentito nominare (Repubblica XL)

Incontrare Ursula Rucker e chiederle: "ma tu scrivi prima la musica o i testi?" (Hot)

Arctic Monkeys: come internet trasformò un cartone animato in realtà  (Repubblica XL)

Tiga: "la prima volta che ti chiedono un remix è come la prima volta che baci una ragazza" (Hot)

Da Brian Eno ai Franz Ferdinand: di che cosa parliamo quando parliamo di "art-rock"? (Hot)

The Strokes: “il CBGB's? che si fotta” (Repubblica XL)

Confessions On a Dancefloor: Madonna e l'ultimo capodanno dell'umanità  (Hot)

Mister Cartoon: il tatuatore più famoso del mondo e il suo ferro da stiro (Hot)

Art Brut: "abbiamo formato una band" (Hot)

Ozzy Osbourne: un vecchio zio nella casa degli orrori (Repubblica XL)

Tracey, Damien e Grayson: sai tenere un Segreto? (Io Donna)

Scuola Furano: fuga dalla scuola media (Hot)

Roisin Murphy: quella sua maglietta stretta (Rolling Stone)

Violante Placido, per gli amici Viola (Io Donna)

Joy Division, the movie: non esattamente Last Days, e nemmeno The Doors (Hot)

30 domande a... WhoMadeWho (Hot)

Allun, Offlaga, Uochi Toki e gli altri: marziani italiani (Repubblica XL)

Devendra, Sufjan, Rufus: le radici in un passato immaginario (Hot)

Sigur Ros: niente più strategia dell'oscurità , o quasi (Repubblica XL)

Arcade Fire: sette musicisti, tre funerali e un matrimonio (Repubblica XL)

C30-C60-C90: il culto del mixtape (Hot)

"Piripiri-piripiri-piripiri-pi": più famosa di Yesterday dei Beatles (Io Donna)

Tosca + The Dining Rooms: due dischi, quattro musicisti e sette bambini (Hot)

E arrivò il giorno in cui i lettori del Corriere conobbero le Coco Rosie... (Io Donna)

Tattoo You: sì, nel 2005 c'è ancora qualcuno che scrive articoli sui tatuaggi (Hot)

Springsteeniani d'Italia: il culto di Bruce (Io Donna)

From Genesis to revelation: la dj-culture scopre il prog? (Hot)

It began in Ibiza: la Summer of Love e tutto il resto (Hot)

A Grottaferrata, a sentire il nuovo album dei Subsonica, mentre loro mi guardano strano (Rolling Stone)

Joss Stone: mind the Gap, please (Io Donna)

Red Bull Music Academy: la scuola per dj più pazza del mondo (Rolling Stone)

Sk8r boi 2005: la musica che gira intorno allo skate (Hot)

Antony & The Johnsons: "volevo essere Isabella Rossellini" (Rolling Stone)

Coldplay/Guns'N'Roses: scusate il ritardo (Io Donna)

World Wide Clubbing: prima viaggiare, poi ballare (Hot)

Moby: "voglio vivere come dentro una tomba"
(Io Donna)

Discoinferno: i dieci anni che cambiarono il clubbing a NY (Rolling Stone)

Belle de Jour: "anal sex is the new black" (Io Donna)

Optimo: i biscotti per cani e il futuro del djing (Hot)

Polyphonic Spree: il meraviglioso mondo di Tim DeLaughter
(Musica di Repubblica)

Mercury Rev: in segreta migrazione (Rumore)

EMA: (mica tanto) European Music Awards (Io Donna)

White Stripes: i Kraftwerk del 2000? (Rolling Stone)

Kasabian: il Gabibbo e Charles Manson
(Musica di Repubblica)

The Cure: la vita è un lungo fascinoso imbrunire
(Rolling Stone)

Miss Violetta Beauregarde: ultra-Violetta! (Rumore)

Franz Ferdinand: il successo è una cosa che succede
(Musica di Repubblica)

Lollapalooza: Woodstock per la Generazione X
(Rolling Stone)

Io tigro, tu tigri, loro Le Tigre... (Rumore)

Duran Duran: Wild Boys vent'anni dopo
(Musica di Repubblica)

Radio Dept.: Radio Free Sweden (Rumore)

Milano-Roma-Barcellona: trans Soulwax express (Rumore)

The Libertines: "vuoi sapere che si prova ad avere nella band un potenziale Sid Vicious?"
(Musica di Repubblica)

Gabrielle Drake: Pink (Moon)base
(Rolling Stone)

Janet Jackson: e Dio creò le tette (GQ)

Discocaine: viaggio al termine del nightclubbing (Hot)

Beastie Boys: To The 5 Boroughs (Rumore)

2004: dance is (not) dead? (Rumore)

The Streets: "pensavo di essere noiosissimo, pensavo che nessuno mi capisse"
(Tutto/Rumore)

Golia & Melchiorre: un Bugo, anzi due (Rumore)

Malcolm McLaren: comprereste un'auto usata da quest'uomo? (Hot)

Do you remember the Summer of Love? (Rolling Stone)

PJ Harvey: e alla fine arriva Polly (Jean) (Rumore)

William Gibson: non tutte le predizioni devono per forza avverarsi (Tutto)

The Darkness: old Skool of Rock (Rumore)

Morrissey: un alieno a L.A. (Rolling Stone)

Von Bondies: Detroit, botte & rock'n'roll (Rumore)

Courtney Love: la fidanzata d'America (Rumore)

Coldplay: livin' la vida glamour (Rumore)

Iggy, ti presento Peaches... (Rumore)

Black Rebel Motorcycle Club: belli, neri e ribelli (Rumore)

The Rapture: punk, funk, moda & modelle (Rumore)

The Queer is Dead: trent'anni di rock non-solo-eterosessuale (Rumore)

I Maniaci Dei Dischi: il futuro è un dj a sei mani (Rumore)

La strada di Zwan: Billy Corgan e il tempo ritrovato (Rumore)

"Così Tanto Amore da Dare": in giro per Londra a caccia di Dj Falcon (Rumore)

Massive Attack: 3D, cuore di tenebra (Rumore)

Sigur Ros: "il mondo è più divertente di quel che potresti credere" (Rumore)

The Osbournes: gruppo di famiglia in un inferno (Rumore)

Last Night a DJ Saved My Life: essere dj nel 2002 (Rumore)

Primal Scream: "il problema è che noi non siamo gli Oasis" (Rumore)

David Holmes: una vita per il cinema (Rumore)

My Bloody Valentine: soffice come la neve (ma caldo dentro) (Rumore)

Stuart David: fold your book, child... (Rumore)

Chemical Brothers: è iniziato in Africa-ka-ka-ka... (Rumore)

Money Mark: lo spirito delle persone si infonde nelle macchine (Rumore)

Non solo Anniottanta: il lato oscuro dell'Eighties-revival (Rumore)

Solex: ovvero Beck con le mestruazioni (Rumore)

Starsailor: "purezza" è la parola chiave (Rumore)

Lamb: l'opposto dell'amore non è l'odio, ma la paura (Rumore)

Verdena: paura & disgusto dalle parti di Bergamo (Rumore)

Quando incontri Bjork e poi parenti e amici ti chiedono: "ma com'è lei veramente?" (Rumore)

Copia Icona: Thora Birch e il congelamento di Kate Moss (Rumore)

The rhythm, the traxx, the Basement, the Jaxx... (Rumore)

Radiohead: "odiare la musica è pericoloso" (Rumore)

Damon & Jamie: Gorillaz nella nebbiaz (Rumore)

Tool: i Radiohead del post-metal (Rumore)

Depeche Mode: l'heavy metal dello spazio interiore (Rumore)

Soft Cell: quest'ultima notte a Sodoma (Rumore)

Die Moulinettes: brevi amori a Jesolo e Bibione (Rumore)

Future Pilot AKA: Wild Thing dei Troggs è l'equivalente pop dell'uomo delle caverne (Rumore)

Daft Punk: 0ne m0re t1me? (Rumore)

Kings Of Convenience: un mondo di canzoni ideali (Rumore)

Riot Grrrls 2001: girls just want to have fun? (Rumore)

La Crus & Avion Travel: i nuovi tradizionalisti (Rumore)

Me and Alan McGee: le etichette che hanno fatto la storia, da Rough Trade alla Creation (Rumore)

Giuliano Palma & The Bluebeaters: it's a wonderful, wonderful life (Rumore)

Il giorno che Roni Size mi mandò (quasi) a quel paese (Rumore)

Mtv (de)Generation: vogliono trasformarci in Arancia Meccanica, ma noi siamo più veloci (Rumore)

Belle & Sebastian: "talvolta al mattino mi sveglio e mi sento Andy Warhol" (Rumore)

Yoshinori Sunahara: il non-luogo dell'anima (Rumore)

Londra: 333 italiani
("D" di Repubblica)

Mr.Oizo: l'uomo che muove il pupazzo (Rumore)

Nine Inch Nails (e Marylin Manson): speranza e vaselina (Rumore)

Stupiti & Confusi: apologia (o quasi) di Chloe Sevigny (Rumore)

Mò Wax: non necessariamente trip-hop
(Dance Music Magazine)

Pop Life!: dai Beatles ai Boo Radleys passando per i Sex Pistols (Rockstar)

“Generazione M”: i ragazzi con la spina nel fianco (Rumore)

 

Weblog Commenting by HaloScan.com

Friday, December 30, 2005

Alla terza mail in 24 ore che mi chiede «sei dunque morto?», forse è il caso di rispondere pubblicamente
a

No, non sono morto e non sono in vacanza. Come qualcuno con cui ci si conosce anche nel mondo reale (e non solo via blogghetto) già sa, sto solo tentando di rispettare la deadline del 31 dicembre prossimo venturo quale data di consegna del radicale remake del simpatico libretto che tanta gloria diede ai suoi due autori dieci anni fa, e tanta gioia a grandi e piccini. («È un teaser? È un teaser!»: detto come «È un diesel» in C’è da spostare una macchina di Francesco Salvi) Dalla settimana prossima si ritorna sulla terra. Si, il 31 sera metto i dischi (tra le 04 e le 06 di mattina, per essere precisi) ma non vi dico né dove né perché, che tanto non è nulla di imperdibile e per ragioni di praticità suonerò solo cd (e chi conosce i topics abitualmente dibattuti su questo blogghetto sa che qui "suonare cd" è come per un sacerdote officiare messa con la coca cola).
Vogliate però ugualmente gradire un omaggio di fine anno, due cose scovate ieri pomeriggio cercando materiale riguardo la vita e le opere di Gianni Boncompagni. Qui, in quella meravigliosa cosa chiamata Rai Click, trovate un’intera puntata della primissima serie di Discoring (quel dècor, quei parlati luuuuuunghi tra un pezzo musicale e l’altro, quelle facce imbalsamate tra il pubblico!). Qui invece una raccolta di inedite immagini pubblicitarie della Raffaella Carrà golden age, cinque o sei millenni prima di Scavolini e del panettone Motta, e ditemi voi - altro che Pipettes, altro che Au Revoir Simone - se quella donna non era twee trent'anni prima del twee pur senza sapere di esserlo...

|


Saturday, December 24, 2005

«Io vorrei, aprire régali al posto tuo»
Nel ricordarvi la nottesanta di stasera di cui al post precedente, vi si rammenta anche che al solito indirizzo è disponibile pure la nuova puntata di Conversation Intercom (sottotitolo: «lo stupore che ti coglie quando scopri il campione da cui nasce il tuo pezzo dance preferito») mentre nella colonna di destra l’allegra autoradio di Weekendance è stata caricata a mò di cornucopia con le più belle canzoni di Natale d’ogni tempo e luogo (a insindacabile giudizio del comitato di saggi di Weekendance medesimo). Il tutto resterà online per l’intera durata delle Feste, quindi fate pure con calma. Come sempre enjoy e tornate a trovarci, che non è mica finita qui.

|


Wednesday, December 21, 2005

Bring your own pandoro
a

Adesso è ufficiale. Se nel corso della nottesanta del 24 le vostre vicende personali dovessero portarvi a Genova, potreste venire a condividerle (le vostre vicende personali) con il proprietario di questo blogghetto e con Borut degli Scuola Furano, che quella notte sono lì a Genova a suonare i dischi in un party di cui già si parla come l’ultimo appuntamente veramente irrinunciabile del 2005.

Il posto è il Milk di via Mura delle Grazie 25 (zona Carignano/centro storico/rive gauche), l’ingresso è gratuito con tessera Arci. Aspettatevi la discografia completa della Kitsuné, Theme From S-Express degli S-Express e le migliori party-tracks di sempre. Gli spingardeschi promoterz di This Is Genova, Not Milano supportano e scattano foto che nei giorni immediatamente successivi saranno online.

Adesso la sfida è trovare entro sabato il remix di Fire In Cairo dei Cure fatta da Digitalism...

|


Tuesday, December 20, 2005

Le corde mi suonano forte la molla è carica
Quando dieci minuti fa mi è arrivata una mail dal subject «i POOH cercano i loro cloni per la festa del quarantennale del gruppo» per un attimo ho sperato in una roba alla Cronenberg, o anche oltre. Ricerca di volontari per uno spericolato esperimento di duplicazione del genoma di Roby Facchinetti, tentativi di applicare le nuove frontiere della genetica al ringiovanimento del pop italiano, una roba alla Face Off tra Riccardo Fogli e Red Canzian, almeno una gara di sosia sul genere degli Elvis lookalikes ammeregani.

Invece cercano solo delle cazzo di cover band per la annuale festa del fan club.

(si, mi arrivano quotidianamente mail che mi informano su ogni singolo sospiro di Renato Zero, Pooh, Eros Ramazzotti etc... ma sono o non sono generoso a condividerle con voi?)

|


This year, to save me from tears (reloaded)
Sempre in attesa della playlist a tema che sarà online sulla radiolina qui accanto la sera del 24 (o forse del 23, devo capire i miei spostamenti), Liza di Copy, Right? ha messo online una dozzina di versioni del classico dei classici, Last Christmas (e dice di averne tre volte tante sepolte nel suo hard disc. Oh, quanto vorrei essere suo amico). La cosa agghiacciante è che nessuna riesce ad avvicinarsi neanche lontanamente allo splendidamente compiaciuto vuoto pneumatico dell'originale.
Una simpatica parentesi autobiografica, a questo punto. Vi ricordate i pionieristici tempi del primo Napster e dei modem a 56k? Bene, Last Christmas, l'originale, fu l'unica canzone (insieme a Kids In America di Kim Wilde) che scaricai mai con Napster. Ce l'ho ancora. Ricordo che ci impiegò l'intero pomeriggio del giorno di Natale a scaricarsi, e verso la fine si aprì pure una finestrella con un tipo dalla Norvegia che mi diceva "scusa, devo interrompere la connessione da cui stai scaricando" e io (superato lo sconcerto di una finestrella che si apriva nel bel mezzo del desktop) gli risposi “no, no, ti prego, è Natale, fammela finire di scaricare”. Ma il norvegese se n'era già andato (a soffocarsi col Pandoro norvegese, gli auguro), e infatti il mio file di Last Christmas è interrotto verso la fine.

Quella in spagnolo comunque è meravigliosa.

|


Monday, December 19, 2005

Per ragioni indipendenti dalla nostra volontà...
a

...anche questa settimana si va online di lunedì. Ma la puntata merita.

|


Friday, December 16, 2005

Più o meno come quando da bambini per farti mangiare gli spinaci ci mettevano sopra il formaggio fuso
I Chicken Lips hanno remixato To And Fro dei Mattafix. Lo sta trasmettendo Pete Tong su BBC1.

|


Are You Receiving Me?
Come tutti i giovedì notte (finchè dura la bonanza), la radiolina lì sulla destra è stata imbottita con una nuova meravigliosa playlist. Buon ascolto e tornate a trovarci, che la settimana prossima - per la gioia dei grandi e il diletto dei piccini - si mette online la playlist di Natale.

|


First impressions of Strokes
a

Si, c’era Drew Barrymore, you read it here first. Si, tutti i truzzi del mondo sembravano essersi dati appuntamento al Transilvania per farsi fare le foto con il braccio attorno alle di lei spalle come fossero best buddies dai tempi del liceo. Si, lei sopportava con quell’aplomb ed apparente noncuranza che solo i veri divi e le vere dive possiedono. Si, se non mi dicevano che quella era Drew Barrymore non l’avrei mai riconosciuta poichè ella è assai più piccola e più spigolosetta che sul grande schermo, e detto fra noi sembra una che si tiene, ok, ma nulla di più, tipo che potrei farvi un lungo elenco - e un giorno lo farò - di donne assai più materassabili (ma anche solo: assai più conversabili) di lei. E venendo invece alle cose serie, tipo l’esclusivissimissimo concerto degli Strokes nella platea del quale è avvenuta l’apparizione di DB, l’estrema sintesi è: sono strani. Bravi ma strani. Prima stranezza: Julian Casablancas sembra uno che canta con la voce di un altro. Tipo la voce di qualche crooner defunto negli anni Quaranta, direttamente dall'oltretomba. La voce di un morto ritornante alla Joe Dante (sia detto come un contorto, elaborato, citazionista complimento). Seconda stranezza, sembra sempre che stiano suonando dentro un loro video, o dentro uno show televisivo. Ti aspetti da un momento all’altro l’effetto di immagine che balla, alla Max Headroom. Questo perché sono evidentemente molto controllati: il che non vuol necessariamente dire rigidi o innaturali, no, però l’impressione è quella di un gruppo che si fa un culo quadrato in sala prove, che ci tiene da matti a fare “meglio” dello standard che si richiederebbe a una band come loro (“fatece divertì”, “suonate o’rock’n’roll”). In buona sintesi - e contrariamente magari alla somma algebrica delle cose dette fin qui - piaciuti molto. Proprio molto. Piaciuti perché sono rock’n’roll nel modo più puro e semplice del mondo. Non hanno fatto Ask Me Anything però, la canzone più bella del nuovo album. Diciamo che non se la sono sentita di tentare il confronto. Forse. O forse no. No

|


Thursday, December 15, 2005

So riconoscere un buon calembour quando ne vedo uno
«RENATO ZERO - DAL 26 DICEMBRE SU RADIO 2 CON “RADIO 2 / RENATO 0”»

|


...is drawing at my house
a

Tre strisce a fumetti ispirate alla vita e alle opere di James Murphy. Le potenzialità di un’operazione del genere sono appena accennate, ma per dieci secondi fa abbastanza ridere. Qui, cercate alla categoria “Marty/other”.

|


Wednesday, December 14, 2005

This year, to save me from tears
In attesa della playlist a tema che sarà online sulla radiolina qui accanto la sera del 24, Bob mi segnala una paginazza di download gratuiti dell’etichetta Louisville fra cui i Jeans Team alle prese con il classico dei classici, Last Christmas, qui.

|


Tuesday, December 13, 2005

Però ci sono speranze che il mondo finisca prima
«After several years of intense speculation from fans as to whether the Easy Star All-Stars -- the musical collective behind 2003’s underground hit, DUB SIDE OF THE MOON -- would ever take on another reggae interpretation of a classic album, Easy Star Records announced the upcoming release of RADIODREAD, A Complete Reggae Version of Radiohead’s OK COMPUTER»

Per dettagli, prossimamente qui.

|


Monday, December 12, 2005

But they're guaranteed to raise a smile
Non ci voleva un genio, concettualmente parlando. L’intero Sgt.Pepper’s dei Beatles rifatto in laptop-style. Inizia maluccio, ma When I’m 64 glitchata alla maniera di Schneider TM nella loro celebre cover di There’s a Light... degli Smiths non è male, come pure Lovely Rita. Nulla de che, ma quello che sorprende è la sconcertante similitudine - al di là dei mezzi tecnologici digitali utilizzati - con lo stile, con la grana sonora persino, di sperimentatori audio di due generazioni fa. Una With a Little Help From My Friends così stupidina e Muppet Show dell’ospedale psichiatrico avrebbero potuto farla - identica - gli Hybrid Kids di Morgan Fisher veniticinque anni fa, e Lucy In The Sky With Diamonds sembra trattata dai Nurse With Wound vent’anni fa. Strano, molto strano. È possibile (è una possibilità) che la storia abbia già fatto il giro e che, esattamente come è successo alla new wave ed a certo rock, anche per l’audio-avanguardia si stia ricominciando il ciclo daccapo.

|


In genere di venerdì
a

Ma stavolta e solo stavolta, eccezionalmente, di lunedì.

|


Friday, December 09, 2005

«The Go-Betweens and Supremes, and the Chills and the Dils... but something is missing»
Beh, quel che manca si prova a metterlo, settimana dopo settimana, nella radiolina lì nella colonna di destra. In genere il giovedì notte. BlogRadio is the new mixtape. Buon ascolto...

|


Wednesday, December 07, 2005

Va ora in onda: “paradossi del diritto d’autore”, puntata n° 4.815.162
Da qualche mese David Byrne ha una sua piccola internet-radio. Una cosa, appunto, piccolina, molto casalinga, in streaming. Più che una radio un nastrone: nel senso che lui a inizio mese decide una playlist, e quella rimane in streaming per tutto il mese. Essendo la “sua” radio, ed essendo familiare e casalinga, giustamente lui ci fa un po’ quello che gli pare: tipo che questo mese la playlist è tutta (quell’uomo è un genio) di «Rednecks, Racists and Reactionaries Country Classics». A settembre era tutto Bob Dylan e canzoni di Bob Dylan. A luglio erano solo canzoni di Franco Battiato, Fabrizio De André e Piccola Orchestra Avion Travel. (qui l’archivio delle playlist) Poi, visto che Byrne è fondamentalmente una persona onesta (e visto che la notizia di DB che apre una sua internet-radio non è di quelle che passano esattamente inosservate) Byrne paga regolarmente la RIAA, cioè la società che provvede alla raccolta dei diritti d’autore. La quale RIAA però qualche settimana fa gli manda una diffida relativa alla playlist dello scorso ottobre, che comprendeva solo e unicamente pezzi di Missy Eliott.

«In my case the law forbids streaming “radio” that features more than 4 tracks by any one artist in a three-hour period. (...) They are afraid that even if it’s not downloadable somehow if a fan knows there will be 3 Missy songs at a given time they can prepare their gear and tape them. The assumption being that sale is lost. [I’ve been informed that the fear is less sensible than that — it is that if you know you can hear a specific artist whenever you want, then the reasoning is you would never buy their records.]»

Qui il dettagliato racconto nella sintesi del suo involontario protagonista e qualche riflessione al riguardo (ma dovete andarvelo a cercare scrollando giù giù fino al 1 dicembre: il cialtrone sarà pure il genio che è, ma non ha i permalink)

|


Tuesday, December 06, 2005

Anche in quei giorni
Soltanto diciannove giorni a Natale. (A proposito: pare che la sera del 24 il proprietario di questo blogghetto suoni i dischi insieme agli Scuola Furano. Maggiori info a ridosso dell’atteso evento)

|


Saturday, December 03, 2005

Non si finisce mai d’imparare, davvero
a

Come al solito cercando tutt’altro, ho appreso stamani che nel ritornello di In America della D.J.F.T. Band Riccardo Cioni diceva «go head, go high» e non «oé, oà» come da me (me secondo me da un’intera generazione, incluso il massimo esegeta cioniano vivente) erroneamente creduto per oltre vent’anni.

(che poi, appunto col senno del poi, probabilmente neanche era «go head», ma «go ahead»)

|


Yr city's a sucker, my city's a creep
Ecco, probabilmente sono l'ultima persona nell'universo a scoprirlo, ma la DFA ha una pagina su MySpace. Mica per altro: ci si può ascoltare il remix di Over And Over di Hot Chip di cui in giro tutti parlano. Recensione: è una cosa che uno a casa se l'ascolta pure, una volta, anche due, ma personalmente non avverto quella vibrazione inguinale che in genere segnala i dischi del genere «oh, non vedo l'ora di suonarlo ad una platea di raffinati intenditori del beat». Forget my five pounds, Juno. Bello invece Crush The Liberation di Juan Maclean [no, l'album non l'avevo sentito. Non ditelo a Fred Ventura: lui crede che io sia l'unica persona oltre a lui medesimo a conoscere tutta la discografia di James Murphy]. Luuuuunga, psichedelica, sorretta da delicati percotimenti di cowbells, urletti alla Prince e una linea di basso-synth che sembrano averla fatta degli orologiai. Svizzeri. You'll have my five pounds, Juno.

UPDATE: infatti di Hot Chip ne parla anche Jukka...

|


Friday, December 02, 2005

Improvvisamente quei padelloni neri che ingombrano i tre quarti del mio appartamento fanno di me una persona straordinariamente alla moda
[Notizia di un paio di giorni fa ma, sapete, qui si era chiusi per inventario] Gli entusiastici toni del Guardian non tanto nel nel dare conto del ritorno del vinile in termini di consumo/venduto, quanto nel sottolineare come le presse «hanno dovuto assumere personale extra»...

«According to the BPI, sales of vinyl singles are up 87.3% year on year and on many releases are coming close to equalling CD sales (as an example, Paul Weller's From The Floorboards Up broke down as follows: CD 55.44%, vinyl 38.56% and digital 6%). Meanwhile, HMV is boasting that it's selling more vinyl than at any other time this century, and pressing plants that thought their days were near an end are taking on extra staff to cope with the demand.»

|


Same as it ever was
Della settimana (scarsa) di fade away vi basti sapere solo che Jim Kerr mi ha dato un passaggio a casa. Ok, non guidava lui, e nemmeno pagava lui la corsa in taxi se è per quello, ma ugualmente lo considero un momento molto, molto significativo della mia vita.

Per il resto, come direbbero i Casino Royale, «ogni stop è solo un altro start». Si è fatta giusto un po’ di pulizia dei file, poco altro. Probabimente chi legge questo blogghetto in feed si è perso completamente la telenovela della comic strip che svanisce nel nero e tutto il resto della sit-com (inside joke: quella stessa striscia era stata il secondo post ever di questo blogghetto, un anno fa. La trovo fantastica. Una straordinaria metafora sullo stile di vita di molti di noi).

Come i più attenti avranno notato, invece, la novità più rilevante è la pregevole blogradio lì a destra. Lo so che la piattaformina in questione non è esattamente la migliore forma di trasmissione della conoscenza musicale sul web, che qui si sta come di consueto scoprendo l’acqua calda, che - perbacco - il podcasting, i feed rss, winamp, macchiaradio etc etc etc. Ma a me ‘sta specie di autoradio da blog è piaciuta appena l’ho vista, mesi fa (ci ho messo un po’ ad applicarla perché notoriamente gli utenti Mac non godono di pari opportunità sul web). Mi è piaciuta per la sensibilità lo-fi che emana, e perché concettualmente ricorda un po’ i bobinoni notturni delle vecchie radio private, quelli che se non c’era un’anima pia a registrarne uno nuovo restavano in programmazione per settimane, mesi, e se eri un habituè della radio finivi per conoscerlo a memoria. Qui si tenterà di tenere refreshed il metaforico bobinone .rbs quanto più possibile, almeno con cadenza settimanale.

Grazie alla munifica ospitalità del tecnologo torinese, fra l’altro, si è pure risolto il problema dei limiti di banda: potete stare attaccati a Weekendance Radio quanto vi pare senza il rischio che appaia la ferale schermata “bandwidth exceeded”. Anzi, se guardate sul corpo della radiolina c’è un tasto pop-up. Cliccatelo, e in un battere di ciglia Weekendance Radio si trasformerà in un gradevole frontalino estraibile che potrete tenere ai margini del vostro desktop, ascoltando le allegre musiche mentre girate per il web a far dell’altro.

«weekendance.com 2005-2006: - chiacchiere, + musica»

|



NEW! CLICK HERE FOR WEEKENDANCE.COM DAILY TUMBLR!


Get Organized

eMail
What’s Weekendance?
The Book is on the Table
(My)Space: 1993
Time Capsule

Muzique non-stop



The Monthly Podcast

The Early Winter Disco
Summer Podcast Disco
Ghosts + Other Nice Creatures
Party Like It's 1992
From Safety To Eternity
Give The DJ Enough Rope 1-3

Archive

current
November 2004
December 2004
January 2005
February 2005
March 2005
April 2005
May 2005
June 2005
July 2005
August 2005
September 2005
October 2005
November 2005
December 2005
January 2006
February 2006
March 2006
April 2006
May 2006
June 2006
July 2006
August 2006
September 2006
May 2007
October 2007

This page is powered by Blogger. Isn't yours?


DISCLAIMER: please note that trax
here are low-fi mono quality files
(very light, so it won't take you a
lifetime to stream them if you run
on 56k) offered for a limited time
and for evaluation purposes only.
Visitors are highly encouraged to
support the artists they like buying
cds and vinyl. If you own rights on
one of the tracks up here and you
don't like the idea of your work being
displayed this way, please just drop
a line by mail and it will be removed.